Giuseppe Pezzanesi: "Sentenza a orologeria"

Mercoledì, 15 Luglio 2020 09:55 | Letto 2090 volte   Clicca per ascolare il testo Giuseppe Pezzanesi: "Sentenza a orologeria" È stato un pomeriggio, quello di ieri, che ha visto il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, diviso tra le vicende private che lo hanno coinvolto in una causa di lavoro (http://www.appenninocamerte.info/notizie-cronaca/item/11969-licenziamento-illegittimo-di-una-dipendente-sindaco-di-tolentino-condannato-a-pagare)e quelle politiche che lo vedevano come candidato governatore alle prossime elezioni regionali.Partendo dalle indiscrezioni che lo vedrebbero a capo della lista civica di sindaci che sogna da tempo il primo cittadino risponde: Sono una persona che sta lavorando, come ben si sa, insieme a chi ha a cuore il territorio su un progetto civico. Da qui a dire che sono candidato governatore ce ne passa, ma per il bene del popolo sono disposto a fare dal niente a tutto: niente nel senso che se le cose vanno bene lascio fare agli altri; tutto perchè sono disponibile a scendere il campo in qualsiasi ruolo mi si chieda di impegnarmi.Poi la chiara posizione nei confronti della vicenda giudiziaria che, secondo lui, sarebbe stata resa pubblica in questo momento per uno scopo politico: Le questioni della mia vita privata rientrano in una sfera che non riguarda la collettività - dice - . Chi tenta di buttare fango su quello che faccio da amministratore con le mie questioni private, esasperandole e portandole ad un livello di discussione così basso, si sbaglia. Cè qualcuno che grida vittoria e mi stupisco difronte a cotanta tracotanza e tanta scorrettezza: credo che siano stati anticipati troppo i tempi - aggiunge - perchè la giustizia, a volte in questo Paese, arriva tardi, ma arriva e quando lo fa non riguarda solo quella materiale e terrena, ma anche quella divina. Io mi sento in pace con entrambe le giustizie - confida - e sistemeremo tutto. Io non porto le mie vicende personali nel lavoro di amministratore - prosegue - se ho commesso dei reati sarà io il primo a farmi da parte, per quanto mi riguarda io i reati li ho subiti. Le leggi sul lavoro hanno dei tempi che, inizialmente, ti svantaggiano poi la giustizia ordinaria, magari, rimette a posto le cose, almeno sotto laspetto morale e civile. Io ho fiducia in quella giustizia e ho nel cuore la giustizia divina, quindi consiglio di fare attenzione a chi agita così tanto la sciabola contro chi lavora con onestà e serietà. Guardo sempre tutti negli occhi perchè quando sei dalla parte del giusto non hai paura. Quindi qualsiasi sia il ruolo alle prossime elzioni regionali - conclude - la verità è che sono tranquillo, so cosa ho fatto e cosa faccio per il bene della collettività e non mi lascio distrarre o condizionare da questi fatti.Giulia Sancricca
È stato un pomeriggio, quello di ieri, che ha visto il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, diviso tra le vicende private che lo hanno coinvolto in una causa di lavoro
(http://www.appenninocamerte.info/notizie-cronaca/item/11969-licenziamento-illegittimo-di-una-dipendente-sindaco-di-tolentino-condannato-a-pagare)
e quelle politiche che lo vedevano come candidato governatore alle prossime elezioni regionali.
Partendo dalle indiscrezioni che lo vedrebbero a capo della lista civica di sindaci che sogna da tempo il primo cittadino risponde: "Sono una persona che sta lavorando, come ben si sa, insieme a chi ha a cuore il territorio su un progetto civico. Da qui a dire che sono candidato governatore ce ne passa, ma per il bene del popolo sono disposto a fare dal niente a tutto: niente nel senso che se le cose vanno bene lascio fare agli altri; tutto perchè sono disponibile a scendere il campo in qualsiasi ruolo mi si chieda di impegnarmi".

Poi la chiara posizione nei confronti della vicenda giudiziaria che, secondo lui, sarebbe stata resa pubblica in questo momento per uno scopo politico: "Le questioni della mia vita privata rientrano in una sfera che non riguarda la collettività - dice - . Chi tenta di buttare fango su quello che faccio da amministratore con le mie questioni private, esasperandole e portandole ad un livello di discussione così basso, si sbaglia. C'è qualcuno che grida vittoria e mi stupisco difronte a cotanta tracotanza e tanta scorrettezza: credo che siano stati anticipati troppo i tempi - aggiunge - perchè la giustizia, a volte in questo Paese, arriva tardi, ma arriva e quando lo fa non riguarda solo quella materiale e terrena, ma anche quella divina. Io mi sento in pace con entrambe le giustizie - confida - e sistemeremo tutto. 

Io non porto le mie vicende personali nel lavoro di amministratore - prosegue - se ho commesso dei reati sarà io il primo a farmi da parte, per quanto mi riguarda io i reati li ho subiti. Le leggi sul lavoro hanno dei tempi che, inizialmente, ti svantaggiano poi la giustizia ordinaria, magari, rimette a posto le cose, almeno sotto l'aspetto morale e civile. Io ho fiducia in quella giustizia e ho nel cuore la giustizia divina, quindi consiglio di fare attenzione a chi agita così tanto la sciabola contro chi lavora con onestà e serietà. Guardo sempre tutti negli occhi perchè quando sei dalla parte del giusto non hai paura. Quindi qualsiasi sia il ruolo alle prossime elzioni regionali - conclude - la verità è che sono tranquillo, so cosa ho fatto e cosa faccio per il bene della collettività e non mi lascio distrarre o condizionare da questi fatti".

Giulia Sancricca

Letto 2090 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo