Notizie sportive nelle Marche
Grande interesse nella città ducale per l’incontro “Insieme a Camerino per la Ricerca” che ha avuto per partner organizzativi Soroptimist International Club di Macerata, Fermo e Jesi, Rotary Club di Camerino, Innerwheel di Camerino. Ente beneficiario dell’evento, che ha potuto fregiarsi delle relazioni di eccellenze del mondo medico oncologico, la Fondazione Airc per la ricerca sul cancro. La scelta di Camerino ispirata dall’essere città della provincia cuore della ricerca scientifica universitaria e per offrire un segnale di presenza nel dare supporto e sostegno ad una comunità in difficoltà a causa del sisma. Condivisione dei service del territorio si è avuta per l’importanza delle tematiche trattate e per la finalità di servizio propria dei club. L’immagine positiva di una città viva che risponde con la creatività e l’impegno alla situazione di disagio, nelle parole di saluto portate dal sindaco Sandro Sborgia, e dal presidente del Rotary Club Mario Cavallaro. Nel ricordare che Airc riceve dalle Marche quasi 3 milioni di euro che vanno ad aggiungersi ai 108 milioni incassati dall’associazione in Italia, la presidente del Comitato Marche dell’Airc Anna Costa Volpini ha fornito altri numeri relativi ai 5 mila ricercatori e ai 520mila progetti di Airc e dai quali ci si augura che nasca qualcosa di grande. A evidenziare il lavoro egregio che gli oncologi d’eccellenza delle Area Vasta 3 stanno portando avanti in un periodo difficile per la sanità italiana è stato il direttore Alessandro Maccioni che ha tenuto a sottolineare, pur nella ristrettezza di risorse, la garanzia di una sanità di qualità. In platea anche l'onorevole Tullio Patassini
Coordinatrice degli interventi Cristina Monachesi dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Macerata e socia Soroptimist Club di Macerata. La scelta di supportare Camerino motivata anche dalla presenza di tanti giovani ai quali l’Associazione Ricerca sul Cancro si rivolge con numerosi percorsi innovativi. In riferimento ad una popolazione più fragile a causa del forte sconvolgimento psico-emotivo, si è detto della maggiore possibilità di insorgenza di malattie anche di tipo oncologico, prospettando come utile l’ipotesi di un adeguato studio epidemiologico.
IMG 20191122 170801
“La rivoluzione dell’immunoterapia nella cura dei tumori e l’importanza della filantropia per il successo della scienza” al centro della relazione di Angela Santoni, ordinario all’ Università di Roma “La Sapienza”. La ricercatrice dell’Airc, riferimento internazionale per gli studi sull’immunoterapia, ha fornito una sintesi di quelle che sono le scoperte degli ultimi anni e che, almeno per alcuni tipi di tumore, hanno rivoluzionato l’approccio terapeutico. Per introdurre la nuova frontiera dell’immunoterapia sempre più utilizzata nella lotta ai tumori con vantaggio di sopravvivenza dei pazienti, la ricercatrice ha sottolineato il cambiamento di prospettiva rispetto alla poca fiducia che per molto tempo gli oncologi hanno dato al sistema immunitario non attribuendogli un ruolo così importante. Qualcosa è cambiato nel 2011 perché ci si è accorti che in realtà il tumore, da una parte è in grado promuovere un processo infiammatorio che può sfociare in una situazione neoplastica e, dall’altra parte, il tumore in qualche modo cerca di sfuggire al controllo e al meccanismo di difesa del sistema immunitario. Alla base dell’immunoterapia c’è l’idea di “educare” e stimolare il sistema immunitario in modo da avere una risposta che può essere di vantaggio per l’organismo, eliminando le cellule tumorali. Gran parte delle terapie nei confronti dei tumori finora si sono basate sulla chemio e sulla radio-terapia ma oggi si può pensare di istruire il sistema immunitario. Santoni ha osservato che forse il futuro dell’oncologia è la combinazione di più approcci terapeutici. “ Ciò non significa che tutto quello che è stato fatto prima non conta, anzi, anche la chemioterapia e la radioterapia hanno imparato a dialogare col sistema immunitario ma, la sopravvivenza maggiore dei pazienti si ha con la combinazione di più terapie”. I risultati a cui si è giunti si devono naturalmente agli importanti progressi nella ricerca. Ricerca che ha costi elevatissimi: un progetto annuale di ricerca costa dai 50 agli 80 mila euro e un ricercatore che lavora in laboratorio costa 35 mila euro l’anno. Inevitabile dunque che, soprattutto in un paese come il nostro, la ricerca debba avvalersi di benefattori e donatori “ E’ per questo che il concetto di filantropia di Aristotele continua ad avere un’importanza notevole – ha sottolineato Angela Santoni- perché è un valore che fa bene e, nel campo oncologico italiano, l’Airc detiene il primato. Nel 2018 Airc e Firc hanno distribuito 108 milioni divisi in borse di studio per l’Italia e per l’estero e per far sì che i nostri giovani abbiano l’entusiasmo di ritornare nel nostro Paese per fare ricerca Da quando è nata, l’Associazione Ricerca sul Cancro ha raccolto un miliardo e 300 milioni; ha20 mila volontari ai quali si aggiungono tanti sostenitori ”senza i quali i cinquemila ricercatori di Airc potrebbero fare molto poco”.
IMG 20191122 173520
In merito alla terapia immunitaria, il cui vantaggio rappresenta una speranza di sopravvivenza nei pazienti il direttore dell’UOC Oncologia Ospedale di Macerata Nicola Battelli ha denunciato però i costi troppo elevati dei farmaci. L’argomento centrale del suo intervento è stata poi la prevenzione legata al cancro della mammella. “ Il tumore nasce perché le cellule tendono a modificarsi e la crescita incontrollata delle cellule tumorali e la trasformazione, avviene sia per cause esterne ( alcool alimentazione, fumo, stile di vita, sedentarietà) sia per cause interne (legate al patrimonio genetico o alla familiarità). Possiamo agire sulle cause esterne, ma ben poco su quelle interne. Da qui nascono due tipi diversi di prevenzione: quella primaria che è quella di eliminare i fattori di rischio ( non fumare, muoversi di più) e la prevenzione secondaria cioè sottoporsi a mammografia in modo da intervenire subito su tumori di piccole dimensioni e avere più possibilità di ottenere una guarigione. “ La prevenzione da sola ha dimostrato che non serve a nulla per aumentare la sopravvivenza dei tumori, la terapia da sola dopo l’intervento non serve a nulla ma nel tumore della mammella è fondamentale l’associazione tra prevenzione e terapia medica come tra immunoterapia e chemioterapia. Adottare uno stile di vita- ha continuato Battelli- ci permette di evitare di arrivare a situazioni paradossali. L’associazione Italiana di oncologia medica ha individuato delle situazioni che possono far aumentare il rischio di tumori: fumo, sedentarietà, alcool, doping, alimentazione scorretta, esposizione ad onde elettromagnetiche e raggi UVA e malattie sessualmente trasmesse (papilloma virus). Con un corretto stile di vita si possono prevenire circa il 60 per cento di tutte le forme tumorali. Circa il 90 per cento dei tumori della mammella sono sporadici e senza base ereditaria e nei tumori della mammella ereditari, sono i geni ad individuare dei soggetti più a rischio di sviluppare un cancro, nonché le mutazioni alle quali possiamo essere quotidianamente esposti e che l’organismo non è in grado di correggere. Diversa la mutazione germinale per cui una persona ha nel suo Dna un’alterazione che può trasmettere ai suoi figli e qui è importante fare il test genetico. “ Fatti 100 i tumori della mammella il 10 per cento possono essere definiti ereditari. E’ chiaro che nel momento in cui è presente una mutazione genetica, il tumore potrà venir fuori se vi si associa uno stile di vita non perfetto che è quel qualcosa che fa innescare la problematica oncologica. Quando sono presenti più casi in famiglia di tumore della mammella è importante fare il test genetico”. Battelli ha poi detto che gli stili di vita sono fondamentali nella prevenzione del tumore della mammella; tra i fattori di rischio c’è l’obesità che favorisce molte forme tumorali. Prediligere alimenti protettivi come verdure, cavolfiori e frutta, mangiare pochi dolci e pochi zuccheri raffinati . Fondamentale per evitare l’insorgenza di tante malattie, fare attività fisica almeno 3 ore la settimana.
IMG 20191122 180011
Di Epidemiologia del carcinoma mammario ha parlato quindi la dott.ssa Benedetta Ferretti, Responsabile UOSD di Oncologia Camerino, San Severino, associandola al registro tumori e ricordando anche il registro tumori di Camerino che è stato già validato nel 1991. Riferiti al cancro in Italia i numeri presentati facendo anche riferimento ai dati “Passi” ricerca telefonica che viene fatta a livello aziendale con questionari standardizzati e rivolta ad una popolazione superiore ai 18 anni . Quanto ai numeri dell’incidenza dei Tumori e stima dei tumori del 2019 in Italia i nuovi casi sono 371 mila e circa 1000 i nuovi casi di diagnosi di tumore al giorno. Il tumore della mammella rappresenta in assoluto il tumore più frequente e ovviamente più frequente nel sesso femminile: i tumori presentano poi un’incidenza che aumenta nettamente con l’età. “Più del 50% dei Tumori vengono diagnosticati in soggetti che hanno superato i 70 anni e di questo bisognerà tener presente sia nei programmi di assistenza attuali sia futuri perché la quota dei soggetti che superano i 65 anni sta progressivamente aumentando e vi ritroviamo sia soggetti che risultano anziani ma che sono in ottime condizioni, sia soggetti fragili ai quali poi si associa tutta la sempre più importante problematica assistenziale”. Tanti i numeri riferiti dalla dott.ssa Ferretti e definiti di fondamentale importanza in quanto è proprio sulla base dei dati che è possibile capire l'effettiva entità del problema, fare un confronto fra le regioni e anche fra le diverse aree delle Marche così da approntare magari diverse programmazioni sanitarie “con delle finalità mirate e soprattutto implementare il paziente in ricerca, reti oncologiche, aderenza ai programmi di screening, perché sono la presa in carico globale del paziente sin dall’'inizio può garantire una sopravvivenza e una guarigione perché per il tumore della mammella, possiamo parlare di guarigione”.
IMG 20191122 184554
In chiusura l’intervento dello psicologo psicoterapeuta Valerio Valeriani, coordinatore ATS 16 -17 e 18 dedicato agli effetti del sisma sulla salute della comunità “ Il fatto che sia stata prorogata l’emergenza è perché siamo tutti  ancora in fase di emergenza, non tanto perché si vedono poche gru e sono stati rimessi a posto pochi mattoni,  lo siamo perché non abbiamo idea di cosa accadrà e non è ripartita un’idea di futuro. Siamo ancora in una situazione di stallo, d’incertezza e di attesa. Attesa continua e allora, ci si ammala. Credo che quello che serva e vada poi ad impregnare tutte le scelte che si fanno, è di rendere le persone protagoniste del proprio percorso di cura, mettere in moto la mente e desiderare il proprio futuro Serve fortemente un progetto partecipato che riattivi le persone e le faccia diventare protagoniste del proprio futuro”.
cc
Pubblicato in Cronaca
A Camerino, verrà attivato un programma di borse di studio triennali per rendere appetibile l'attività professionale di giovani medici specializzandi capace di attrarre altri professionisti. Ad annunciare il progetto e l'intesa raggiunta tra Unicam, Area Vasta 3 e Direzione sanitaria regiionale, è stato il direttore generale dell'Area Vasta 3 Alessandro Maccioni. Lo ha fatto intervenendo all'incontro "Insieme a Camerino per la Ricerca" organizzato da Soroptimist International Club Macerata, Kiwanis Club Macerata, Rotary Club Camerino Tolentino Macerata e Inner Wheel Camerino. Insieme alla buona notizia dell'attivazione del programma utile ad attrarre professionalità, competenze e intelligenze nel territorio camerte, le parole del direttore dell'Area Vasta 3 hanno toccato anche la problematica delle ridotte risorse sanitarie del Paese e fornito rassicurazioni sul futuro dell'ospedale di Camerino e sull'impegno a risolvere la questione della carenza di personale nel reparto di Cardiologia.
" E' un periodo difficile per la sanità nazionale - ha dichiarato Maccioni- ma quello che riusciamo a garantire sia in Italia sia nelle Marche, seppure con risorse insufficienti rispetto a quello che ci si aspetterebbe da un sistema pubblico e rispetto al finanziamento che invece troviamo in altri Paesi europei, è una sanità di qualità. Riusciamo comunque a fare tante belle cose e come Area Vasta 3, siamo diventati attrattivi per studi clinici importanti. Al netto delle risorse del 2018 da destinare a medici, infermieri e a chi lavora sui progetti di ricerca, abbiamo introitato una somma di circa 180 mila euro per il potenziamento delle nostre attrezzature, per borse di studio e per assumere medici anche a tempo determinato." 
Nel sottolineare che Camerino deve diventare più attrattivo per i professionisti e per i medici, Maccioni si è soffermato sulla questione della carenza di personale a Cardiologia: "Il problema  è che non riusciamo a immettere 5 medici più il primario- ha detto- A luglio agosto per garantire l'assistenza h24 si è fatto ricorso a personale medico aggiuntivo che, per ragione di costi, non può continuare. A Cardiologia oggi sono presenti quattro medici più il primario ma  per dicembre dovremmo riuscire a contrattualizzare un'altra figura che attualmente è specializzanda.
Non c'è alcuna intenzione, nè volontà nascosta di chiudere l'ospedale di Camerino- ha rassicurato- Sarebbe assurdo: è un nosocomio da un punto di vista strutturale modernissimo, antisismico, a norma antincendio cerificata per cui, nessun direttore e nessun gestore della sanità pubblica, potrebbe pensare a un'idea del genere. Il problema della cardiologia c'è, ma perchè appunto c'è la cardiologia e ci sono dei reparti d'eccellenza come l'ortopedia diretta dal dottor Di Matteo. Proprio a questo riguardo, pochi giorni fa ci siamo incontrati  con il rettore di Unicam Pettinari, insieme alla neo direttrice dell'Asur regionale Nadia Storti per l'attivazione di borse di studio a valenza triennale da offrire a giovani medici specializzandi nelle varie specialità della medicina, chirurgia, ortopedia, cardiologia e nei rami del farmaceutico e della farmacologia. La finalità del progetto è quella di dare la possibilità ai giovani che escono dalle università e dalle scuole di specializzazione, di lavorare nell'ospedale di Camerino e nel contempo fare ricerca nell'ateneo di Unicam, attraverso gruppi di lavoro e pubblicazioni che, soprattutto all'inizio, potranno essere utilizzati per valorizzare la loro carriera  Noi- ha rimarcato Maccioni-dobbiamo cambiare paradigma e modo di pensare: dobbiamo partire da quello che c'è , che c'è rimasto e che c'è sempre stato dopo il terremoto.
Il punto di  partenza non deve essere quello che manca, ma quello che c'è. C'è l'università che non ha mai cessato di esistere nè mai sospeso le sue attività; c'è la sanità che non ha mai fatto notizia su questo terrritorio perchè l'ospedale ha tenuto, non ha mai riportato danni dal sisma e ha assistito le persone come andavano assisitite. Da subito abbiamo trasferito le persone ospiti delle case di riposo, in altre strutture che erano a disposizione nell'area Vasta 3, Noi ci siamo e non abbiamo mai arretrato. Il problema che c'è -ha concluso- è temporaneo ed è un problema che riguarda tutta l'Italia, perchè non si fa altro che parlare della carenza dei medici.
La struttura sanitaria di Camerino è moderna, efficiente e faremo di tutto per risolvere il problema della cardiologia e qualsiasi altra questione che nel corso dei giorni e dei mesi potrà prospettarsi. L'ospedale e la sanità sono strutture vive e per ogni struttura viva possono presentarsi difficoltà. I problemi ci stanno ma ci stanno anche per essere risolti: noi ci siamo e li affrontiamo anche d'intesa con il sindaco di Camerino, con l'università e con tutti gli operatori che insistono su questo territorio".
cc 

Pubblicato in Politica
Un giovane residente in provincia di Macerata, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato e sottoposto al regime dei domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Tolentino. Il giovane, individuato e arrestato dai militari, è accusato di aver aver compiuto lo scorso 13 luglio, insieme ad un complice, una rapina ai danni del supermercato "Sì con te" di Tolentino. In quell'occasione i malviventi, con il volto coperto da calzamaglie ed armati di lunghi coltelli, avevano minacciato il personale del negozio, sottraendo dalle casse la somma contante di circa 3.000 Euro. Le indagini condotte dai militari del Norm di Tolentino hanno permesso di individuare i due rapinatori e, così, nei confronti di uno dei due rei, al termine di una complessa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Macerata, è stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico. L'arrestato, messo alle strette dagli inquirenti, ha confessato il gesto. Uno degli elementi che più sono stati di aiuto all'individuazione dei rei ed alla conclusione positivia dell'indagine, oltre alla professionalità dei militari ed alla loro perfetta conoscenza del territorio, è certamente stato la presenza di telecamere ad alta definizione sia all'interno del supermercato colpito che nelle strade cittadine.
g.g.
Pubblicato in Cronaca
Ha atteso il cinquantesimo anniversario dalla nascita della sua azienda, festeggiato qualche mese fa, e poi si è spenta, nella sua casa di Belforte del Chienti, all’età di 86 anni, Maria Cristina Craglia, fondatrice della nota casa di abiti da sposa di Belforte del Chienti, Delsa.

L’imprenditrice, nata nel 1933 a Paterno, nelle campagne di Tolentino, era conosciuta per essere riuscita a creare un’impresa costruita sull’abilità, la grinta e la capacità lavorativa che, a quei tempi, venivano attribuite solo agli imprenditori. 
Anche per questo, nel 2014, il Presidente della Repubblica le ha conferito l'onorificenza di Commendatore.
La passione per il bello e la fantasia nel creare gli abiti sono cresciute con lei: fin dalla tenera età, infatti, di nascosto dai suoi genitori, realizzava le sue bambole con i rispettivi abiti.

Un destino già segnato, quindi: il suo talento per la moda, unito al fatto di essere figlia unica e femmina, negli anni delle scelte patriarcali, la portarono a studiare in convento, dalle suore di clausura.

E' dalle Clarisse del Colle di San Ginesio che Maria Cristina Craglia impara l'arte del ricamo e, a accanto ai successivi studi all’Istituto “Secoli” di Milano, fiore all’occhiello delle scuole mondiali, è riuscita a creare la sua fabbrica dei sogni.

L’imprenditrice non ha mai nascosto le difficoltà che si è trovata difronte per il semplice fatto di essere una donna, ma con la tempra che da sempre l’ha contraddistinta, dopo il piccolo laboratorio di Tolentino, dove si occupava di abbigliamento per bambini, è riuscita ad ampliare gli orizzonti e ad aprire l’azienda che tutt’ora ha sede a Belforte del Chienti.

E’ la fabbrica dei sogni dove Maria Cristina, insieme alle sue operaie, diventa parte del giorno più bello di ogni donna fino a qualche anno fa, quando ha deciso di lasciare le redini ai suoi figli, ma di essere comunque presente nei momenti più importanti dell’azienda con la lungimiranza che solo pochi imprenditori hanno.

A piangerla, oggi, le sue tre famiglie: quella di sangue; i lavoratori e le lavoratrici che nei 50 anni della storia della sua azienda hanno imparato dalla donna e dall’imprenditrice; e le spose: tutte le donne che grazie a Maria Cristina Craglia hanno visto realizzato il loro sogno.
I funerali si svolgeranno domenica alle 9.30 nella chiesa di Sant'Eustachio di Belforte del Chienti e la 
Camera ardente è allestita a Tolentino da Terra Coeli.


Giulia Sancricca
Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 22 Novembre 2019 15:11

C1 Sport 22 Novembre 2019

Pubblicato in C1 Sport
Venerdì, 22 Novembre 2019 14:25

Digestivo Sport 22 Novembre 2019

Pubblicato in Digestivo Sport
Nuovo successo per la ricerca di Unicam. Grazie alla sensazionale scoperta fatta dal gruppo di studio dell’Università di Camerino coordinato dal prof. Roberto Ciccocioppo, può prospettarsi una strategia innovativa nella battaglia per smettere di fumare .
Il gruppo di ricerca della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute di Unicam, composto dalla dr.ssa Esi Domi e dal prof. Massimo Ubaldi e da colleghi dell’Università di Bologna, della svedese Linköping University e dell’azienda statunitense Omeros Corporation, è arrivato a dimostrare che un farmaco comunemente usato per trattare il diabete di tipo 2, abolisce i segni caratteristici dell’astinenza da nicotina. Lo studio è stato appena pubblicato dalla prestigiosa rivista internazionale Journal of Neurosciences. 
Chi tenta di smettere di fumare, subisce diversi effetti collaterali provocati dall’astinenza da nicotina: aumento dell'appetito, irrequietezza, ansia, irritabilità e depressione, sintomi spiacevoli che scoraggiano la maggior parte dei fumatori pur motivati a smetterla con le sigarette.

“Con il nostro lavoro di ricerca – sottolinea il prof. Massimo Ubaldi – abbiamo dimostrato che le iniezioni dirette di pioglitazone nell’area cerebrale dell'ippocampo di topi, hanno ridotto i segni di astinenza fisica da nicotina, inclusi i tremori. L'iniezione di pioglitazone in un'altra area, l'amigdala, ha invece migliorato i sintomi dell’ansia associati alla sospensione della nicotina”.
Il pioglitazone, farmaco utilizzato nelle terapie antidiabetiche, ha infatti come bersaglio uno specifico recettore,  che si trova in aree del cervello coinvolte nella dipendenza da sostanze. I soggetti fortemente dipendenti dalla nicotina hanno un rischio maggiore di circa il 30% di sviluppare il diabete di tipo 2.
I risultati dello studio suggeriscono che, se usato in pazienti diabetici con abitudine al fumo, il pioglitazone, oltre a migliorare la sensibilità all’insulina, può rappresentare un valido aiuto per smettere di fumare, attenuando i sintomi fisici ed emotivi dovuti all'astinenza da nicotina.

Il gruppo di ricercatori di Unicam ha svolto un ruolo di coordinamento delle altre unità italiane, svedesi ed americane coinvolte nella ricerca  e il laboratorio del prof. Ciccocioppo è stato  anche il primo a dimostrare che il farmaco antidiabetico  può essere utile nel trattamento della dipendenza da sostanze da abuso come alcol e nicotina.

Soddisfazione personale e a nome dell’intera comunità universitaria, è stata espressa dal rettore di Unicam Claudio Pettinari:
“Un ulteriore successo che conferma l’eccellenza della qualità della ricerca scientifica dell’Università di Camerino,  sempre più spesso riconosciuta anche a livello internazionale, in settori di notevole interesse che coinvolgono il benessere e la salute pubblica”. cc
Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 22 Novembre 2019 12:33

C1 Notizie - 22 novembre

Pubblicato in Focus Notizie
"Ho chiesto a tutte le forze politiche di destinare i risparmi di Montecitorio dell'ultimo anno (100 milioni) alle popolazioni colpite dal terremoto. Tutti, maggioranza e opposizione, hanno sottoscritto e votato la proposta. Una bella pagina di cui andare orgogliosi".
Lo scrive in un tweet Simone Baldelli, vicepresidente dei deputati azzurri e primo firmatario dell'emendamento al decreto sisma, sottoscritto da tutti i gruppi parlamentari e votato all'unanimità dalla commissione Ambiente della Camera.
"Con quelli stanziati ieri, il totale dei risparmi di Montecitorio destinati  alle zone colpite dal terremoto - afferma Baldelli, che anche negli anni passati è stato promotore di questa iniziativa,  sempre condivisa da tutte le forze politiche -  sale a 312 milioni di euro. Ci auguriamo che questi soldi vengano spesi presto e bene nell'interesse concreto delle popolazioni colpite".

GS
Pubblicato in Politica
Un gesto ironico ma comunque di protesta quello degli abitanti della frazione di Paterno, San Severino. Lungo l'ultimo tratto di strada hanno affisso un cartello con su scritto "Attenzione alle buche. Offerte per terminare i lavori". Sotto, una cassettina con del denaro. Pare infatti che i lavori che hanno interessato il tratto di strada non siano stati conclusi e che gli ultimi 50 metri siano rimasti un colabrodo e si dovrebbe proprio a questo il gesto tra l'ironico e la protesta.
g.g.

628DDFA5 031D 4005 8111 AE13D0B624C4
Pubblicato in Cronaca

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo